Il mondo dei germogli

Dopo aver provato il succo di erba di grano abbiamo deciso di fare un passo in più ed abbiamo scoperto il fantastico mondo dei germogli.

I germogli sono vivi! E racchiudono in sé moltissime sostanze nutritive essenziali e minerali, molte delle quali sono difficilmente reperibili persino nella frutta e nelle verdure fresche.

Inserite i germogli a piacere nell’estrattore assieme a frutta e verdura, per aggiungere benefiche proprietà ai succhi vivi! Noi lo abbiamo fatto oggi e condividiamo la nostra ricetta.

 

Ingredienti:

5 o 6 carote

1 barbabietola rossa

1 gambo di sedano

2 mele

1 lime

una manciata di germogli di broccolo

1 cm di zenzero fresco

 

Esistono così tante tipologie di germogli…tantissimi nuovi ingredienti per la nostra salute!

 

La coltivazione in casa dei germogli

I semi da germogliare sono davvero tantissimi, li potete acquistare in erboristeria o nei negozi di alimenti naturali: l’importante è che siano rigorosamente biologici.

Seguendo alcuni semplici accorgimenti potrete disporre a casa vostra di germogli freschi pronti all’uso in pochi giorni. Basta acquistare un germogliatore tra i tanti in commercio: ce ne sono per tutte le taglie e per tutte le tasche.

 

Ecco di seguito una breve lista con diverse tipologie di germogli e le loro rispettive proprietà:

 

1) Avena

I germogli di avena sono ricchi di proteine, fosforo, carboidrati, magnesio e vitamine B1 e B2; depurano il nostro organismo e aiutano in caso di digestione difficile, poiché esercitano un’azione diuretica e leggermente lassativa.

 

2) Fagioli

Questi germogli sono molto nutrienti e ricchissimi di proteine, forniscono energia e esercitano un azione benefica sul fegato eliminando a poco a poco gli intasamenti di bilirubina. Rafforzano lo stomaco, dissolvono i calcoli e sono ottimi per i polmoni.

 

3) Ceci

I germogli di ceci normalizzano la funzione del tratto digestivo, migliorano la carnagione, migliorano la composizione del sangue, decongestionano fegato e reni e sono un valido alleato contro i tumori solidi.

 

4) Grano

Abbiamo già parlato della ricchezza di sostanze nutritive del grano.E’ un alimento ideale che dal punto di vista nutrizionale detiene il primato fra tutti i cereali. I suoi germogli sono ricchi di proteine, ossigeno, minerali, vitamine, enzimi e antiossidanti, inoltre sono altamente digeribili. Se usati sistematicamente i germogli di grano depurano, alcalinizzano e ringiovaniscono l’organismo.

 

5) Miglio

I germogli di miglio contengono ferro, potassio, fluoro e lecitina, migliorano l’aspetto della pelle, danno forza ai capelli e alle unghie fragili.

 

6) Cipolla

Questi germogli sono un validissimo alleato per combattere la cellulite!

 

7) Lenticchie

Anche i germogli di lenticchie sono una fonte consistente di proteine ben digeribili, inoltre contengono microelementi molto utili al nostro organismo. Sono consigliate in situazioni di forte sforzo fisico.

 

8) Soia

Questi germogli aiutano a mantenere sotto controllo gli sbalzi ormonali legati alla menopausa, attenuano i sintomi premestruali e combattono l’osteoporosi. Sono anche un alimento importante per gli atleti e le persone impegnate in lavori pesanti. La scelta dei semi di soia dev’essere scrupolosa: acquistate prodotti rigorosamente bio, poiché la maggior parte di quelli modificati geneticamente non germinano.

 

9) Broccolo

Li abbiamo inseriti come ultimi della lista, in realtà i germogli di broccolo negli ultimi anni sono saliti ai primi posti in classifica per le loro proprietà. Il broccolo è una verdura importantissima per la nostra salute! Contiene infatti sulforafano, una molecola che, come dimostrano sperimentazioni e studi certificati, provoca il blocco della crescita nelle cellule cancerose e causa addirittura la loro apoptosi (le induce cioè ad una specie di “suicidio programmato”). Questa molecola svolge una funzione a cui gli oncologi in tutto il mondo tendono: uccidere le cellule cancerose già formate. I germogli di broccolo contengono un quantitativo addirittura maggiore di sostanze anti-cancro rispetto al broccolo vero e proprio.

 

Consigli:

I semi germogliati di alcuni vegetali contengono sostanze tossiche e vanno perciò evitati! Il pomodoro e la patata sono tra questi.

Ricordiamolo ancora una volta: acquistate rigorosamente semi biologici, da un produttore affidabile.

Prima di mangiare i germogli accertatevi che non odorino di muffa o presentino un colore scuro. I germogli sani hanno una consistenza croccante, non sono morbidi o pastosi.

I germogli vanno tolti dal germogliatore appena pronti, sciacquati per bene e conservati in frigorifero per non più di tre giorni. Il loro consumo ideale è quello immediato.

Raccomandiamo infine di seguire scrupolosamente le istruzioni di coltivazione dei semi allegate al vostro germogliatore; in caso decidiate di coltivare i vostri semi senza l’aiuto di un germogliatore, informatevi molto bene sulle modalità e procedure di coltivazione, per evitare spiacevoli e talvolta pericolosi inconvenienti dovuti alla scarsa igiene.

 

I germogli sanno regalare moltissimi benefici, a patto che dedichiamo alla loro breve crescita le dovute attenzioni.

Share This

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *